Progetto Agenda 21 per la rimozione dell'amianto

Progetto Agenda 21 per la rimozione dell'amianto
14/03/2016

PREMESSA

Quali sono gli obblighi a carico dei privati in caso di presenza di amianto?

Ogni privato deve compilare e consegnare al Comune di appartenenza (che provvederà a trasmetterlo alla ASL di Bergamo) il modulo NA/1 di notifica di presenza amianto in strutture o luoghi.

Inoltre, solo nel caso di coperture contenenti fibre di amianto (più comunemente conosciute come “eternit”), il privato deve effettuare la valutazione dello stato di conservazione delle coperture in cemento – amianto. L’esito di tale valutazione definisce gli ulteriori obblighi a carico del privato, come specificato direttamente sulla relativa modulistica.

Come si deve procedere per rimuovere l’amianto?

E’ fondamentale individuare un’impresa specializzata, la quale dovrà predisporre e presentare alla ASL un apposito “piano di lavoro”, per ottenerne il relativo Nulla Osta.

Contestualmente, deve essere presentata idonea pratica edilizia all’Ufficio Tecnico del Comune di Bottanuco, comunicazione asseverata da un tecnico abilitato - CILA.

IL PROGETTO

“Lo smaltimento dell’amianto”, promosso da Agenda 21 isola Bergamasca Dalmine e Zingonia

Il Comune di Bottanuco intende perseguire l’obiettivo di favorire la rimozione e lo smaltimento dell’amianto con apposite campagne di sensi­bilizzazione.

L'Amministrazione ha, pertanto, aderito all’iniziativa di Agenda 21 Isola bergamasca Dalmine - Zingonia, che ha predisposto un progetto per rendere più facile ed economico, per i cittadini residenti e le attività economiche operanti nel Comune di Bottanuco, la procedura di smaltimento delle piccole superfici di amianto ancora presenti nelle loro proprietà.

Il progetto ha permesso di individuare quattro operatori che hanno dato la propria disponibilità ad intervenire ad un prezzo concordato e concorrenziale per lo smaltimento o il trattamento delle coperture in amianto, un istituto di credito che potrebbe facilitare l'intervento con agevolazioni finanziarie ed un tecnico abilitato per la predisposizione e presentazione, a prezzi calmierati, delle pratiche edilizie al Comune.

A tal fine, Agenda 21 ha svolto una serie di incontri informativi aperti al pubblico presso i Comuni aderenti.

Durante la serata tenutasi a Bottanuco in data 29/02/2016, oltre ai dettagli del progetto, sono stati illustrati i pericoli per la salute connessi all’amianto, le opportunità di finanziamento offerte da alcune banche e le possibilità di accedere alle agevolazioni e detrazioni fiscali.

Nella sottostante sezione "allegati" è disponibile la presentazione del progetto con indicazione dei prezzi calmierati proposti dalle imprese e dal tecnico aderenti al progetto.

Si invitano tutti gli interessati ad iscriversi, senza impegno, al Gruppo Comunale di Smaltimento Amianto (GCSA). E' sufficiente compilare l'apposito modulo, rinvenibile nella sottostante sezione “allegati”, e:

- consegnarlo all’ufficio Tecnico in Municipio nei consueti orari di apertura,

oppure

- inviarlo via mail all’Agenda 21 all'indirizzo info@a21isoladalminezingonia.bg.it.

Ogni richiedente verrà successivamente contattato dall’Agenda 21 per fissare, senza impegno, un sopralluogo da parte di una della imprese specializzate di smaltimento amianto aderenti al progetto, la quale predisporrà gratuitamente il preventivo dei lavori di rimozione e vi assisterà gratuitamente nella valutazione dello stato di conservazione delle coperture.

La formulazione del preventivo non comporta alcun “obbligo di acquisto”, fino all’accettazione dello stesso.

Per maggiori informazioni si può contattare il POINT21 telefonando (il lunedì ed il venerdì dalle 14.30 e 17.30) al numero 035.6224827 o inviando una mail all’indirizzo  info@a21isoladalminezingonia.bg.it; oppure si può visitare il sito di Agenda 21 www.a21isoladalminezingonia.bg.it

Agevolazioni fiscali

Si ricorda, inoltre, che gli interventi di smaltimento dell'amianto, se connessi a determinati interventi edilizi, possono inoltre essere occasione per usufruire anche delle agevolazioni fiscali legate alla ristrutturazione edilizia o ad interventi di risparmio energetico, come descritto nelle linee guida dell’Agenzia delle Entrate.

Anche per l’anno 2016, lo Stato ha previsto infatti detrazioni IRPEF del 50% sulle ristrutturazioni edilizie e del 65% per i lavori per il risparmio energetico qualificato (sostituzione della caldaia, isolamento termico della casa e installazione di pannelli solari - c.d. eco bonus).

Queste agevolazioni si traducono, per il contribuente, in un risparmio di imposta che, nel campo edilizio, si attuano tramite particolari interventi sugli immobili, come descritto nelle linee guida dell’Agenzia delle Entrate