Misure regionali di limitazione per migliorare la qualità dell'aria

Misure regionali di limitazione per migliorare la qualità dell'aria
14/10/2016

Nel semestre invernale entrano in vigore i provvedimenti regionali di limitazione della circolazione per alcuni veicoli, insieme ad altre disposizioni finalizzate alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e al miglioramento della qualità dell'aria.

 

Misure per la limitazione del traffico veicolare

Dal 15 ottobre 2016 fino al 15 aprile 2017 sono in vigore, come ogni anno, i provvedimenti di limitazione della circolazione per alcuni veicoli finalizzati alla riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera e per il miglioramento della qualità dell'aria.

Ai sensi della d.G.R. n. 2578/2014, i provvedimenti di limitazione si estendono anche ai Comuni ricadenti all’interno della Fascia 2 tra i quali rientra anche il Comune di Bottanuco.

Le limitazioni alla circolazione sono articolate, dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30, e sono relative ai seguenti veicoli:

• autoveicoli ad accensione comandata (benzina) non omologati ai sensi della direttiva 91/441/CEE e successive (veicoli detti “Euro 0 benzina”);

• autoveicoli ad accensione spontanea (diesel) omologati ai sensi della direttiva 91/542/CEE, o 96/1/CEE, riga B, oppure omologati ai sensi delle direttive da 94/12/CEE a 96/69/CE ovvero 98/77/CE (veicoli detti “Euro 0, Euro 1, Euro 2 diesel”).

 

Ulteriori provvedimenti antinquinamento in ambito civile

Nel periodo dal 15 ottobre 2016 al 15 aprile 2017 è disposto il divieto (nel caso siano presenti altri impianti per il riscaldamento alimentati con combustibili ammessi) di utilizzo di apparecchi per il riscaldamento domestico alimentati a biomassa legnosa appartenenti alle seguenti categorie:

• camini aperti

• camini chiusi e stufe con un rendimento inferiore al 63%

Ai sensi della d.G.R. n. 7635/2008 il divieto si applica alla fascia 1 del territorio regionale e ai restanti Comuni situati ad una quota altimetrica uguale o inferiore ai 300 m s.l.m. tra i quali rientra anche il Comune di Bottanuco.

 

Disposizioni inerenti la combustione in loco di residui vegetali agricoli e forestali

Relativamente alla combustione di residui vegetali si richiama la norma statale vigente (D.LGS n. 152/2006 - TUA) che prevede in generale il divieto di combustione rientrando nella disciplina dei rifiuti. Deroghe dall’applicazione di tale disciplina sono stabilite dall’art. 182, comma 6 bis, del TUA per finalità agricole e tramite processi o metodi che non danneggiano l'ambiente né mettono in pericolo la salute umana.

Le disposizioni regionali introdotte con LR n. 31/2008 (come recentemente modificata dalla LR n. 38/2015) prevedono la possibilità di effettuare la combustione in loco dei piccoli cumuli di tali residui (inferiori a 3 metri steri per ettaro) nei territori dei Comuni posti ad una quota superiore ai 300 m (200 m nel caso di Comunità montane). Nei Comuni posti a quota inferiore, tra i quali rientra anche il Comune di Bottanuco, le disposizioni introdotte dalla d.G.R. n. 2525/2014 che prevedono il divieto di combustione dal 15 ottobre 2016 al 15 aprile 2017.

 

Per maggiori informazioni:

http://www.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=Redazionale_P&childpagename=Ambiente%2FDetail&cid=1213374630533&pagename=MBNTWrapper